E’ #contagioazzurro IN CASA SACES MAPEI GIVOVA CON CRESPI E LUCCHESI

Ieri mattina ha fatto tappa a Napoli #contagioazzurro! Il progetto di allenamenti itineranti con cui il Settore Squadre Nazionali sta girando l’Italia, ha visto varcare le soglie del PalaVesuvio la prestigiosa coppia di allenatori composta da Marco Crespi e Giovanni Lucchesi: i due coach hanno infatti scelto proprio la Dike come seconda società a cui fare visita dopo essere stati a Venezia. La giornata in palestra ha nella propria idea di fondo, lo scopo di lavorare in stretto contatto con le società ospitanti, in modo da allargare la base delle atlete di interesse della nazionale e stabilire un contatto destinato ad alimentarsi nel tempo con gli staff che le seguono quotidianamente.

Nell’allenamento mattutino che ha avuto come mission il miglioramento individuale, Crespi si è dichiarato molto soddisfatto del lavoro sviluppato con le giocatrici della Saces Mapei Givova, e ci ha trasmesso queste considerazioni al termine della sessione svolta in palestra:

Ho ricevuto un impatto di grande energia positiva entrando in questa struttura: se un club deve ritenersi un laboratorio in cui si lavora per costruire un prodotto, ritengo che sia molto importante il luogo dove tutto ciò avviene. Devo dire che questa della Dike è una casa bella per il colore, la pulizia, persino gli odori che ti trovi a sperimentare entrando in questo palazzetto. Faccio quindi i miei complimenti a questa società, perché se una squadra comincia a costruire il proprio futuro investendo sulla propria casa, vuol dire che esiste una visione sul percorso di crescita messo nel mirino, che è indipendente dalle vittorie e dalle sconfitte nel breve termine.

Anche le giocatrici sono apparse stimolate e coinvolte dal progetto:

Si, ho riscontrato grande partecipazione da tutte: veramente incredibile l’applicazione a partire dalle più esperte, fino a quelle più giovani. Contagio Azzurro ha proprio l’obiettivo di favorire attraverso questi piccoli interventi tecnici, un percorso di scambio e comunicazione con le atlete e gli staff delle diverse squadre: da questo punto di vista, ammetto grande soddisfazione del lavoro svolto oggi.

Nel pomeriggio è stata la volta di Giovanni Lucchesi scendere in campo per guidare insieme ai tecnici del settore giovanile, il gruppo che compone le squadre Under 16. Anche da parte sua, parole di grande affetto nei confronti di questa città:

C’è poco da fare, ogni volta che scendo a lavorare da queste parti le emozioni sono sempre tante. A partire dalle luci, credo che questo palazzetto sia veramente un gioiello e per me ritornarci è sempre una gioia. Credo di poter confidare che l’atmosfera che ho respirato allenando in questo impianto quando ho disputato l’europeo Under 16 nel 2009, sono custodite in delle sensazioni che raramente ho rivissuto nella mia carriera. Lavorando oggi pomeriggio con le più giovani, ho sperimentato proprio quello scambio reciproco di energia che il Contagio Azzurro vuole fare arrivare nelle palestre di tutta Italia: dalla passione che ho letto negli occhi di queste giovani atlete, dobbiamo sempre trovare ispirazione per fronteggiare con coraggio i periodi belli e meno belli che ci troviamo ad affrontare.