IL PALAVESUVIO CHIAMA, LA DIKE RISPONDE: VITTORIA STRAORDINARIA CONTRO LA LUPE

In sede di presentazione dell’incontro l’avevamo scritto: la carica del PalaVesuvio avrebbe potuto permettere alle ragazze di Molino di raddoppiare le energie…è andata proprio così. Partiamo dalla fine, per raccontare che quando in un finale pieno di tensione e sul filo dell’equilibrio, la logica vorrebbe che a spuntarla debba essere la squadra più fresca, con più rotazioni e con tutte le giocatrici nei ruoli giusti…beh, nel basket la logica fa spesso brutte figure. E allora, in un ultimo quarto straordinario per intensità e colpi di scena, zeppo di errori e giocate vincenti, vince meritatamente la Dike che chiude definitivamente a proprio favore anche la questione quarto posto.

In una serata che i tifosi napoletani ricorderanno per un po’, brilla nella propria casa la prestazione stellare di Pastore: per il capitano alla fine saranno 14 pesantissimi punti, più 5 rimbalzi, più 7 assist, più decine di contatti subiti e le mani in tutte le azioni che hanno deciso la partita. Il 25 di valutazione racconta solo in parte la serata del capitano; così come la doppia-doppia (14+11) di Dubi Dacic rende l’idea di una grande gara per il centro, senza riuscire a chiarirne l’incidenza sulla vittoria finale. Pastore e Dacic ma non solo: Harmon e Gemelos dominano la partita con le loro solite prestazioni zeppe di energia ed invenzioni, mentre Carta e Diene fanno tutto quello che serve alla causa per portare a casa i due preziosissimi punti. C’è grande euforia nello spogliatoio napoletano per questa vittoria: la contemporanea assenza di una straniera ed il nuovo forfait di Sabrina Cinili non lasciavano particolari speranze di vittoria…e invece, invece è finita 69-66 con il popolo del PalaVesuvio a festeggiare.

In effetti, fin dalle prime battute dei problemi di formazione della Dike non se ne accorge nessuno: Molino ha poche rotazioni ma diverse soluzioni tattiche vincenti. Il coach è l’altro grande protagonista della serata: se alla fine dell’incontro è arrivata una vittoria in cui praticamente nessuno ha avuto tempo di pensare alle assenze, il merito è tutto suo. La partita: equilibrio da subito e ritmi frenetici nei primi minuti. Pastore indovina la prima tripla della serata per la prima spallata nel punteggio (10-4 al 5’). La Saces Mapei Givova controlla senza particolari affanni con Gemelos fino al 15-11 del 7’, prima di subire il sorpasso che arriva quasi inaspettato da parte di Fassina al 9’. Primo quarto concluso comunque in vantaggio (17-16) per merito del canestro sulla sirena di Harmon che trasforma in punti le indicazioni nel time-out arrivate dalla panchina napoletana.

Il secondo parziale è tutto napoletano nella prima metà: subito tripla di Gemelos, poi sale in cattedra Dacic che da sotto le plance confeziona due appoggi vincenti (26-22 al 14’). Il momento migliore napoletano non è finito: arrivano la bomba di Carta ed il canestro di Pastore per il massimo vantaggio interno al 16’ (31-24). Da questo istante in poi il quarto si tinge di giallo-nero: Mahoney e Keys fanno pentole e coperchi, e si va negli spogliatoi sul 35-37.

Se il primo tempo finisce male per la Dike, il secondo incomincia anche peggio: Bailey trasmette a tutte le proprie compagne l’energia necessaria a gelare il palazzetto e permettere subito il massimo vantaggio ospite: 35-43. Harmon ha una reazione di ‘rabbia’ che rimette le cose a posto (7 punti filati e 42-43 al 24’). La Lupe si conferma comunque in controllo del gioco e chiede ancora a Bailey i canestri del nuovo mini-allungo: 46-50 al 27’. Capitan Pastore va a segno dalla linea dei tre punti (49-50), ma quando una positivissima Diene è costretta a lasciare definitivamente il campo per un colpo fortuito subito, sembra che la fortuna voglia voltare le spalle alle napoletane. La Dike sbanda davanti alle grandi giocate di Fassina e Keys (49-56 al 29’), ma è brava a rifugiarsi nelle mani di Gemelos che non tradisce ed accorcia sul 52-56 alla fine del terzo quarto.

Negli ultimi dieci minuti la Dike dovrebbe sentire il peso della fatica, e invece ad incepparsi è l’attacco di Abignente. Nei primi cinque minuti segna solo la Saces Mapei Givova: Harmon di forza, due volte Dacic da sotto, bomba pazzesca di Pastore e punteggio ribaltato (61-56). E’ giusto che gli ultimi squilli ospiti arrivino dalle uniche atlete (Mahoney e Keys) a non arrendersi fino alla fine: il resto è un monologo Dike, che trova consapevolezza nella splendida difesa disegnata da Molino e sprinta senza soffrire neanche tanto in un finale (69-66) tutto colorato di arancione.

I tabellini.

Saces Mapei Givova: Di Battista ne, Cinili ne, Pastore 14, Carta 3, Diene 5, Harmon 17, Dacic 14, Gemelos 16, Gonzalez ne, De Cassan ne.

Fila San Martino di Lupari: Oroszova 8, Mahoney 12, Filippi 2, Tonello, Fassina 7, Bailey 12, Keys 23, Beraldo ne, Milani ne, Gianolla 2.